banner_home_premiogiornalista2010_130110

 

Torna l’appuntamento annuale degli addetti stampa che si conferma internazionale. L’iniziativa, itinerante ogni anno in una diversa regione, si terrà a Trento il 22 e 23 ottobre dove i giornalisti saranno impegnati nel seminario di formazione “Energia ed ambiente, aggiornare giornalisti e addetti stampa” ed al termine si terrà la cerimonia di consegna del Premio internazionale “Giornalismo: l’addetto stampa dell’anno”. Aggiornarsi per informare correttamente sui temi dell’energia e dell’ambiente con particolare riferimento alla “green economy” è l’obiettivo del seminario, promosso da Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Provincia Autonoma di Trento, Eni, con la collaborazione scientifica dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. La parte formativa, certificata da Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e For-Media, punta ad inserire coloro che fanno comunicazione nel settore della “green economy”, in modo da cogliere questa nuova opportunità di impiego. Il seminario sarà aperto da Enrico Paissan, Vice Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, e Carlo Crea, Segretario dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas e proseguirà con lezioni di professori universitari, responsabili di uffici stampa, studiosi e tecnici e verrà presieduto dai rappresentanti del sindacato e dell’Ordine dei giornalisti. Le iscrizioni sono già chiuse. Il Premio, invece, è l’occasione per valorizzare i migliori lavori dell’anno, effettuati da tanti giornalisti degli uffici stampa. La manifestazione è alla VIII edizione e si basa sulla selezione delle professionalità secondo due metodologie: la scelta dei candidati presentanti dai singoli giurati per la ‘carriera’ e l’Europa e quelli che, invece, partecipano al concorso presentando domanda nei diversi settori di specializzazione (compreso quello dei giovani neo-laureati). Ci sono anche due riconoscimenti del Presidente (sezioni ‘Energia’). La Giuria, riunita a Roma presso il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, ha deciso l’assegnazione dei seguenti riconoscimenti: Pasquale Cascella, direttore Ufficio Stampa del Quirinale, riceverà il premio alla “Carriera”. Per le due sezioni “Comunicare l’Unione Europea” la Giuria ha selezionato Gerard Dubois, Romano Dalla Chiesa e con una menzione speciale il generale Massimo Fogari. La scelta del presidente per il Premio speciale “Energia e Ambiente – Eni Spa” è caduta su Luca Spoletini, (portavoce del Dipartimento della Protezione Civile). Per le sezioni di specializzazione la Giuria ha così deciso: “Pubblica Amministrazione” vincitore Marco Caramagna (responsabile ufficio stampa provincia di Alessandria); “Sanità e diritto alla salute” Sirio Del Grande (addetto stampa Asl 2 di Lucca); “Non profit e diritti” Nicola Lavacca (responsabile ufficio stampa Hospice Marena); “Economia, finanza, innovazione, attività produttive e turismo” a Antonio Passaro (addetto stampa Uil ); “Agricoltura, agriturismo, settore vitivinicolo e prodotti agroalimentari” a Emanuele Perez (ufficio stampa Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi)”; Ambiente ed attività ecosostenibili” a Giorgi Freddi (ufficio stampa Gruppo Hera); “Cultura, Informazione, Spettacolo e Sport” a Maria Fiorenza Coppari (Responsabile comunicazione integrata Università di Verona). ). Inoltre, la Giuria ha assegnato il Premio per gli iscritti al GUS a Maria Luisa Casalengo ( ufficio stampa Ascom Bologna) ed una menzione speciale al generale Giancarlo Rossi). Il concorso “Nuova Comunicazione” indirizzato ai giovani neo-laureati in corsi sul giornalismo ha visto la vittoria di Manuela Boschetti (Università di Milano) con la tesi su “La stampa a Gallarate dalla crisi di fine secolo alla Marcia su Roma: testate, giornalisti e giornaliste”. Il Presidente quest’anno in occasione del Seminario di formazione per i giornalisti su “Energia ed Ambiente” ha deciso di assegnare una Menzione Speciale di merito per l'”Editoria dell’Energia e dell’Ambiente” alla giornalista Luigia Ierace (‘La Gazzetta del Mezzogiorno’) per il volume “Dove vive Enipower,storie di energia,di uomini e di città”. La Giuria è presieduta da Giacomo di Iasio (ideatore dell’iniziativa) ed è composta da: Riccardo Benvenuti (segretario, Studio giornalisti associati Headline), Omar Calabrese (docente di semiologia all’Università di Siena), Renato Cantore (Responsabile progetto nazionale del TGR per l’informazione dalle regioni per il 150^ anniversario dell’Unità d’Italia); Carlo Felice Corsetti (già capo ufficio stampa dell’Arma dei Carabinieri, membro associato OAFCN – rete comunicatori antifrode OLAF-Bruxelles e consulente della presidenza del Gus nazionale per i rapporti con l’Europa), Gino Falleri (Presidente nazionale Gruppo Giornalisti Uffici Stampa e segretario aggiunto Fnsi): Bruno Miserendino (notista politico L’Unità), Ruben Razzante (docente di diritto dell’informazione e del prodotto culturale Università Cattolica di Milano e direttore della Scuola di giornalismo di Potenza): Daniele Ruscitti (redattore Agenzia Asca) e Giuseppe Tito (caporedattore aggiunto servizio politico Ansa). L’iniziativa, promossa da Eni Spa, è sostenuta da Acri-Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa; Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura di Trento; Conai-Consorzio Nazionale Imballaggi; Corecom della Provincia Autonoma di Trento; Dolomiti Energia Spa; Podere Fortuna; Telpress Italia Spa; Terna Spa.