Proseguono le attività del Lyceum Club Internazionale di Firenze, con numerosi eventi in programma fino a dicembre, tra incontri e dibattiti su temi di attualità, concerti, mostre, presentazioni di libri, con la partecipazione di personalità e Istituzioni di primo piano della cultura e delle arti

Nel 150° anniversario della morte di Gioacchino Rossini (Pesaro, 1792 – Passy, 1868), lunedì 5 novembre, alle ore 18, il Lyceum Club Internazionale di Firenze rende omaggio al compositore pesarese con una conferenza dell’esperto di araldica Domenico Savini, che presenterà una ricerca inedita condotta negli archivi della famiglia del compositore a Lugo di Romagna. A seguire, il concerto di una voce rossiniana, quella del soprano Patrizia Cigna, accompagnata dalla pianista Elisabetta Sepe, che ricreerà negli ambienti di Palazzo Adami Lami il salotto musicale della villa di Rossini a Passy, eseguendo otto ariette da camera dalle Soirées musicales.

Rossini amava questo genere d’intrattenimento, soprattutto nella seconda metà della sua vita, a partire da quando, nel 1830, si ritirò dalle scene operistiche (che, pure, dominava) per isolarsi da quel mondo di clamori e comporre soltanto musica sacra e da camera (i famosi “Peccati di vecchiaia”) da allora fino al 13 novembre 1858, quando morì.

L’evento è realizzato con il sostegno dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani.

Allieva di J. Meneguzzer, PATRIZIA CIGNA si diploma al Conservatorio “Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti, lode e menzione di merito con M. G. Germani. Vincitrice di numerosi concorsi internazionali – quali Tito Schipa (Lecce 1994), William Walton e Rocca delle Macìe 1995 – debutta nel 1993 al Teatro Verdi di Pisa, nell’opera Il piccolo spazzacamino di Britten. Da allora ha interpretato ruoli protagonistici in Die Zauberflöte, Così fan tutte, Le Nozze di Figaro, La Clemenza di Tito, Idomeneo, Lucia di Lammermoor, Don Pasquale, L’Elisir d’amore, La bohème, Il Campiello, Rigoletto, Ariadne auf Naxos, Un ballo in maschera, La Locandiera, Carmen, Il Barbiere di Siviglia, Tancredi, La Traviata, I Puritani, in teatri come il Verdi di Trieste, Malibran di Venezia, Comunale di Bologna, Firenze e Ferrara, Valli di Reggio Emilia, Festival di Torre del Lago, Festival Arena di Verona, Ravello Festival, Regio di Torino, Piccinni di Bari, Teatro di Maribor (Slovenia), Festival Avenches (Svizzera), Reisopera (Tour Olanda), Wexford Festival Opera (Irlanda), Teatro Kaunas (Lituania), Seoul Arts Center (Corea), Izmir (Turchia), Municipal di San Paolo (Brasile). Ha al suo attivo numerose incisioni di opere e composizioni da camera e sacre inedite, registrando tra l’altro per Bongiovanni, Rai, ORF1, Naxos, Dynamic, Tactus, Amadeus e Decca. L’ultima incisione risale al gennaio 2018, per Brilliant Classic, con tutta l’opera da camera per voce e chitarra, in prima mondiale, di Carl Maria von Weber. Ha collaborato con direttori di fama internazionale, quali D. Gatti, G. Bertini, Lü Jia, W. Jurowsky, T. Koopman, D. Fasolis, A. Zedda, P. Bellugi, P. Olmi, F.M. Sardelli, M. Stefanelli, S. Montanari, R. Zarpellon, M. Beltrami, U. Benedetti Michelangeli, Xǔ Zhōng, D. Oren, Z. Mehta e con registi quali I. Judge, I. Brook, R. Canessa, P. Panizza, A. De Rosa, I. Stefanutti, R. Bonajuto, M. Gandini, D. Krief, F. Micheli, M. Placido, P. L. Pizzi. Svolge un’intensa attività concertistica come solista, sia nel repertorio barocco che in quello liederistico, esibendosi alla Società Barattelli de L’Aquila, al Teatro Comunale di Modena per gli Amici della Musica, al Teatro Gentile di Fabriano per l’Ass. Gioventù Musicale, all’Accademia di Bologna per Conoscere la Musica, Stresa Festival, Musica negli Horti di San Quirico d’Orcia , Musica Rara di Milano, Amici della Musica di Perugia, Amici della Musica di Firenze, Associazione Mozart Italia di Milano, Salzburg, Festival du Lied a Fribourg (Svizzera), allo “Spring Festival” e alla Sala Verdi di Budapest, in un tour di teatri in Brasile, a Buenos Aires (Sal Usina de l’Arte) in Sudafrica al prestigioso “International Festival Mozart” di Johannesburg, all’ETR Theater di Sasolburg, al Brooklyn Theater di Pretoria. Nel settembre 2015 ha ricevuto a Ginevra, in riconoscimento alla sua attività artistica, il titolo di Dama al Merito degli Ordini Dinastici Savoia. Dal Dicembre 2015 è Docente di Canto presso il Conservatorio “Gesualdo da Venosa” di Potenza.

ELISABETTA SEPE, nata a Firenze, ha studiato pianoforte con Lucia Passaglia, Pietro Rigacci, Riccardo Risaliti. Si è perfezionata a Parigi con Jacqueline Bourgès-Manoury, prosecutrice della scuola di Dinu Lipatti, ottenendo il “Prix d’excellence” presso il Conservatorio Nazionale della città. Ha, inoltre, frequentato i corsi di perfezionamento con Aquiles delle Vigne e Dario De Rosa. Parallelamente agli studi umanistici ha conseguito i diplomi in Pianoforte, Didattica della Musica, Musica Corale e Direzione di Coro, il Diploma Accademico di secondo livello in Musica vocale da Camera ed ha seguito corsi di Composizione, Musica da Camera strumentale, Organo, Clavicembalo e Basso continuo, Fortepiano, Direzione d’Orchestra, Semiologia gregoriana, Musicologia, Analisi Musicale, Repertorio corale. Ha inoltre ottenuto il Diploma di perfezionamento per Direttori di Coro al termine di un corso di formazione professionale triennale, organizzato dalla Fondazione “Guido d’Arezzo” in collaborazione con la Comunità Europea. La sua carriera musicale è cominciata a dieci anni, quando ha diretto in concerto una sua composizione per piccola orchestra. In seguito, a diciassette anni, ha debuttato con un recital pianistico nel Salone de’ Dugento in Palazzo Vecchio. È seguita poi una intensa attività concertistica sia come solista, anche con orchestra, sia in gruppi cameristici presso importanti associazioni e centri musicali italiani e internazionali. È impegnata come pianista accompagnatore in ambito cameristico e lirico. Dal 1999 al 2015 è stata Maestro Collaboratore di Sala presso l’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, dove ha lavorato con illustri direttori, tra cui Zubin Mehta (con cui ha effettuato una tournée in Giappone nel 2006), Seiji Ozawa, Daniel Oren, Roberto Abbado, Bruno Bartoletti, Ivor Bolton, celebri cantanti quali Eva Mei, Mariella Devia, Barbara Frittoli, Elizabeth Norberg-Schulz, Caterina Antonacci, Daniela Barcellona, Sonia Ganassi, Laura Polverelli, Raul Gimenez, Francesco Meli, Vittorio Grigolo, Ambrogio Maestri, Alessandro Corbelli, Pietro Spagnoli, Giorgio Surjan e importanti registi, tra i quali Luca Ronconi, Graham Vick, Federico Tiezzi, Fabio Sparvoli, Ferzan Ozpetek, Daniele Abbado. Collabora stabilmente dal 1991 alle attività concertistiche e culturali di Firenze Lirica e di Foyer – Amici della Lirica di Firenze, di cui è Direttore Artistico. È stata protagonista di significative manifestazioni, tra le quali la collaborazione pianistica nel concerto tenuto da Rolando Panerai per il cinquantennale della sua carriera e l’esecuzione di una parafrasi su temi verdiani, da lei composta in occasione della consegna del premio “L’aria di baule” a Fedora Barbieri. Nel 1996 ha fondato il gruppo vocale “Novi Cantores” di Firenze e, dal 2004 al 2009, ha diretto il coro “Harmonia Cantata”. Giovanissima vincitrice di concorso, è docente di ruolo dal 1996. Attualmente è titolare della cattedra di Pratica Pianistica presso il Conservatorio Statale di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze, dove insegna anche Lettura e Studio dello spartito nel triennio e biennio di Canto. Nel 2018 è stata la pianista accompagnatrice della prima masterclass tenuta a Firenze dal soprano Mariella Devia.

Per consultare tutti gli appuntamenti del programma 2018: www.lyceumclubfirenze.it