La musica sarà la grande protagonista di questo vernissage natalizio grazie alle esibizioni di “ArchiMossi”, prima orchestra itinerante di archi amplificati tanto da paragonare questa ensemble tutta al femminile come una vera e propria marchin’ band ArchiMossi ha un vasto ed originalissimo repertorio musicale, spaziando dalla tradizione irlandese (“Drowsy Maggie”, “The Bridal”, “The Irish washerwoman”), a quella slava (“Kolomeika”, danza bulgara, danza serba).

Barberino Natale

Poi inizierà un viaggio nel tempo, proponendo Suite di Danze Rinascimentali, il Minuetto di Boccherini, l’aria di “Habanera” dalla “Carmen” di Bizet, prima di planare ai giorni nostri approdando alla musica contemporanea di Ennio Morricone e Mullen-Clayton. Come in una magica alchimia l’ensemble si deforma e muta continuamente, e per ogni partitura musicale ecco una particolare coreografia, passando dal caos all’ordine e dall’ordine al disordine. ArchiMossi è un’orchestra internazionale tutta al femminile composta da otto musiciste provenienti da Italia, Russia, Canada ed Inghilterra. Sabato 14 saranno tre le esibizioni (nel pomeriggio) di “ArchiMossi”, con il gran finale previsto alle 18 con l’accensione dell’Albero di Natale (davanti all’Ufficio Informazioni). (Headline)